Siamo unici e inimitabili

La bellezza dell’essere umano risiede nella sua unicità: 7 miliardi c.a. di individui ciascuno con la propria personalità, i propri gusti e i propri desideri. Riconoscere e dare valore a questa caratteristica intrinseca dell’uomo è una scelta vincente per coloro che si occupano di e comunicazione. In un mercato sempre più saturo di prodotti e servizi, infatti, soddisfare l’innato bisogno di esclusività che ciascuno di noi possiede, è fondamentale per poter emergere ed avere successo.

 

Qual è la strategia giusta per raggiungere e soddisfare le preferenze dei singoli individui?

Certamente la personalizzazione del prodotto e della comunicazione. Ci troviamo in un’ottica customer centred il cui obiettivo è quello di porre il cliente al centro dei processi aziendali, cercando di interpretare quali siano i suoi desideri, essere in grado di prevederli e anticiparli.

Segmentazione del pubblico

Il primo passo di una strategia orientata al cliente è quello di raccogliere e analizzare i dati relativi al proprio target: monitorare i comportamenti d’acquisto, essere sempre aggiornati sui trend del momento e saper comunicare in maniera efficace con il proprio pubblico.

In questa fase l’intelligenza artificiale può essere un valido alleato: grazie a software di business intelligence è possibile raccogliere e gestire in maniera più fluida ed efficiente la grossa mole di dati generati dall’interazione tra le persone e il web – come i prodotti già visualizzati, i commenti lasciati sui vari profili social, le domande poste via chat, ecc. Tutte informazioni utili per comprendere e arricchire la conoscenza di ogni cliente; più questa conoscenza sarà esaustiva, maggiore sarà la possibilità si raggiungere gli obiettivi aziendali.

Comunicazione one to one

Fino a qualche tempo fa era molto diffuso il marketing di massa, in cui la comunicazione era progettata per rivolgersi a campioni di popolazione definiti, con la conseguente produzione di materiale pubblicitario impersonale e superfluo.

Oggi, proprio come il prodotto, anche la comunicazione deve essere rivolta e pensata per ogni singola persona.

L’intelligenza artificiale, anche questa volta, offre il suo contributo: grazie a sistemi di automazione e tecniche di machine learning è possibile adattare il messaggio a seconda dell’utente e di veicolarlo attraverso differenti media: posta elettronica, sms, pop-up, banner e così via.

In store, invece, sarà l’addetto vendita che adatterà la strategia in funzione del cliente. Potendo sempre contare sul supporto della tecnologia, quali tablet e smartphone per reperire informazioni basilari sui clienti, toccherà poi alla sua competenza ed empatia, cogliere quale sia il suo desiderio più profondo e indirizzarlo verso il prodotto più adatto con la giusta comunicazione.

Un caso di successo

Caffè Vergnano ha fatto del concetto di personalizzazione il suo cavallo di battaglia.

I clienti collegandosi all’ e-commerce hanno la possibilità di personalizzare la propria lattina di caffè scegliendone il colore, la frase e l’immagine. Ma il processo di personalizzazione non finisce qui: una volta terminato il caffè è possibile dare una seconda vita al contenitore trasformandolo in qualcos’altro, come per esempio un vaso, un portapenne o un salvadanaio.

Questa strategia di marketing risulta molto efficace perché il Brand offre un valore aggiunto nella vendita dei suoi prodotti: le persone non acquistano semplicemente del caffè, ma acquistano un’emozione, un ricordo, una fetta della loro vita che resterà incisa in maniera indelebile. Tutta la fase di personalizzazione della confezione e quella di riciclo della stessa, può essere considerata a tutti gli effetti una vera e propria esperienza emozionale vissuta dal cliente.

Il prodotto deve essere “cucito” su misura del cliente, un’ottima soluzione per riuscirvi è, come ha dimostrato  Vergnano, quella di lasciare al cliente stesso la possibilità di personalizzare il prodotto acquistato, facendolo sentire libero di esprimere il proprio stile e la propria individualità e allo stesso tempo, dargli la possibilità di usufruire di un prodotto o servizio che egli percepirà come unico. Il risultato? Instaurare un rapporto di fiducia che si traduce in aumento del fatturato e di fedeltà verso il Brand.

About the Author

Redazione Cavalieri Retail Magazine - the retail way