Live Shopping, l’ultima frontiera dell’E-commerce

L’anno scorso Kim Kardashian ha venduto 15.000 bottiglie del suo profumo in meno di 15 minuti. Stiamo parlando di un fatturato di circa 900.000 € in meno di un quarto d’ora. Questo è stato l’evento che ha aperto gli occhi ai Retail Expert occidentali su una nuova modalità di vendita: il “Live Shopping”.

COSA È Il LIVE SHOPPING?

E’ una modalità “distruptive” di vendita, iniziata in Cina e che sta conquistando l’Occidente. L’erogazione è semplice: un addetto vendita, il Live Streamer, presenta i prodotti attraverso una diretta sul web. Il pubblico, ovvero i clienti, seguono l’evento online e acquistano i prodotti presentati. In Cina le piattaforme di Live Shopping sono innumerevoli, ad esempio: Alibaba, il gigante cinese dell’e-commerce, usa Taobao il suo market place che conta circa 800 milioni di consumatori.

In Occidente, il modo di erogazione di questo servizio è stato adattato alle esigenze di un pubblico diverso: le dirette vanno in onda attraverso l’uso di strumenti integrati nel sito web del brand e presto saranno disponibili anche sui social media. Durante la presentazione della collezione, le immagini dei prodotti sono visibili sullo schermo, possono essere selezionati dai clienti, e una volta indirizzati sulla pagina di e-commerce, è possibile procedere all’acquisto online.

DA LIVE STREAM A LIVE SHOPPING

Il Live Shopping nasce in Cina principalmente per due fattori: il controllo del governo cinese sul contenuto televisivo e l’amore dei cinesi per gli acquisti online, spingendo le generazioni più giovani a iniziare a condividere contenuti online. L’origine esatta viene dal mondo dei video giochi, dove il pubblico seguiva i grandi giocatori mentre trasmettevano in diretta. I giganti dell’e-commerce cinese hanno sfruttato questa modalità di comunicazione, portandola al mondo del retail ed è così che il Live Shopping si è sviluppato e diffuso nel mercato.

Un esempio concreto? Il Brand Motivi ha lanciato  il suo canale di live shopping: una piattaforma in cui le venditrici diventano presentatrici, raccontando in video le nuove collezioni e i nuovi prodotti.

Per saperne di più: https://www.motivi.com/it/motivi-live-stream-shopping

DALLA TELEVENDITA AL LIVE SHOPPING

Presentare un prodotto in diretta mentre i consumatori acquistano, non è una novità. Tutti noi ci ricordiamo della televendita che ha avuto il suo boom mondiale negli anni ‘90. Le due modalità sembrerebbero da una prima analisi abbastanza simili, ma la televendita si basa esclusivamente sulla vendita spinta, mentre il Live Shopping, ha in primis, un obiettivo di intrattenimento dell’audience. L’unico elemento che è rimasto in comune è il “qui e ora”, offerte a cui possono accedere solo chi segue la diretta.

La società è cambiata e di conseguenza anche il consumatore: oggi dobbiamo pertanto virare la nostra comunicazione e creare maggiore engagement sui clienti, attraverso nuove modalità e nuovi approcci legati ad una personalizzazione del messaggio e della nostra offerta.

IL FUTURO DEL LIVE SHOPPING

CNN Business, prevede che il fatturato del Live Shopping Cinese, nel 2020, sarà di circa 170 miliardi di dollari. Nell’Occidente, brand di beauty, fashion e alcolici già hanno iniziato ad utilizzare questo nuovo approccio. Presto, questa pratica, diventerà tanto essenziale quanto avere un e-commerce, perché diventerà una delle opzioni con cui i brand potranno aggiungere emozione ed interazione all’acquisto online.

Questi cambiamenti ci permettono di comprendere quindi quanto sia importante per le aziende investire nel digitale, puntando su canali online e sul Live Shopping che diventerà, sempre più parte integrante del Customer Journey con la nascita di nuovi ruoli e nuove competenze da acquisire.

 

About the Author

Da sempre fortemente interessata al marketing, è appassionata di analisi dei comportamenti dei consumatori e di strumenti digitali.
Un suo punto di forza? Identificare i nuovi trend e le strategie da sviluppare.