Eccellenze del Made in Italy: il turismo

“Siamo il paese più bello del mondo!”

Quasi tutti, almeno una volta nella vita, hanno citato questa frase: “siamo”, perché l’Italia è un paese unito che sa valorizzare molto bene ciò che gli appartiene. Da tre mesi a questa parte, siamo stati costretti ad inginocchiarsi di fronte ad uno spaventoso nemico chiamato Coronavirus, il quale ci ha portati a vivere in un’Italia completamente paralizzata. Più di 236.000 contagi, 34.000 decessi e un’unica soluzione: restare a casa. Ma se per più di due mesi abbiamo avuto la forza di volontà di non vedere familiari, amici e rinunciare al caffè del nostro bar preferito, ora è giunto il momento di “ripartire” tutti insieme, ancora una volta, più forti che mai. In questo momento l’Italia è un bivio: c’è chi non crede in un futuro e chi, invece, nonostante le insidie e le difficoltà del momento ha coraggio, passione per quello che fa e la capacità di adattarsi alle regole vigenti in un periodo di disquilibrio mondiale.

Viviamo, ormai da tempo, nell’era della digitalizzazione. perché non usufruire di tutte le opportunità che ci offre?

La chiave del successo sta proprio nel ricostruire la customer experience dei turisti tramite i tools a nostra disposizione. I primi ad essersi domandati come regalare emozioni ai turisti nonostante il periodo di quarantena, sono stati i danesi. Con la loro immensa voglia di mantenere il contatto con i clienti, solo un paio di settimane dopo sono riusciti ad offrire la possibilità di visitare i territori delle Isole Faroe tramite cellulare, tablet o computer. Ma non è tutto. Questo servizio permette non solo al turista di decidere dove e come spostarsi all’interno del territorio, ma anche di cercare di far rivivere al viaggiatore il brivido dell’alta quota mediante un elicottero.  Esempio simile plasmato nella realtà italiana sono i musei civici di Venezia, che in attesa della riapertura, hanno espanso la loro offerta online su Instagram, Facebook, Twitter e YouTube. Sono tanti i turisti che, ogni anno, visitano i nostri musei ed usufruiscono di altri servizi e questo è l’esempio pratico di come la cultura del nostro paese abbia trovato nuove modalità di erogazione efficaci e smart. Le persone, ora più che mai, sentono il bisogno di sentirsi al sicuro.

Il nostro obiettivo?

Comunicare loro che è ancora possibile muoversi all’interno del nostro paese utilizzando tutte le precauzioni necessarie per mettere in prima linea la salute di tutti. Cambia, quindi, l’approccio relazionale con il turista che dovrà essere ancor più chiaro, sicuro ed interattivo soprattutto nel momento della prenotazione. Ciò che spaventa è la mancanza di interazione fisica: la nostra cordialità, simpatia e spontaneità che ci contraddistinguono. Ricordiamoci, però, che non sarà per sempre! Torneremo a godere di tutti quegli aspetti umani che da sempre ci hanno permesso di fare la differenza a livello mondiale e far sì che i clienti possano tornare soddisfatti ogni anno e contribuire alla crescita di un settore che, fino al 2019, pesava circa il 13% del PIL nazionale: il . Si lavora, ormai da tempo, per definire un modus operandi replicabile in tutte le strutture alberghiere per far sì che gli ospiti si sentano protetti come a casa propria. Una categoria che potrebbe essere un po’ più scoperta sotto questo punto di vista sono le locazioni a breve termine, nelle quali l’attenzione dovrà indubbiamente aumentare. Proprio per questo, gestire i check-in sarà più semplice grazie a tecnologie come quelle di Vikey. Non si dovrà più attendere fisicamente l’arrivo degli ospiti poiché la porta si aprirà mediante un link inviatogli tramite e-mail dal locatore. Documenti, pagamenti e la firma del contratto verranno gestiti anticipatamente. Il contatto con il cliente continuerà e sarà ancor più fondamentale ma potrà avvenire con modalità differenti. La cordialità del proprietario dell’immobile o del receptionist in front office dell’hotel pronti a consigliare i principali punti di attrazione di una determinata città o il miglior ristorante in cui poter assaporare i piatti più invidiati al mondo potrà avvenire sia virtualmente (nel caso del locatario) sia fisicamente (nel caso del receptionist) . Un piatto di bucatini all’amatriciana con vista sul Colosseo, una fiorentina degustata in una trattoria tipica nei pressi di Ponte Vecchio, i troccoli pugliesi assaporati sotto una grotta a Polignano a Mare, una granita siciliana accompagnata da un maritozzo ripieno di panna nella splendida Cala Rossa, situata a nord-ovest dell’isola di Favignana, e non sarebbero sufficienti queste poche citazioni per esaltare le eccellenze del nostro tricolore, soprattutto in un periodo in cui un ruolo altrettanto importante sarà ricoperto da tutti i piccoli comuni che, se sapranno valorizzare al meglio le risorse presenti, la storia del territorio e gli incentivi derivanti dalle istituzioni (bonus bici, possibilità di creare ciclo turismo), potranno far aumentare i loro people and cash flows, ma soprattutto a riqualificare le aree limitrofe.

Stiamo affrontando la crisi più grave dal secondo dopoguerra. L’incertezza, i problemi e la paura fanno da sfondo alla nostra amata Italia, ma l’importante sarà non farsi vincere dallo sconforto. Ancora una volta, a fare la differenza sarà l’essere umano che avrà la possibilità di pianificare, progettare e ridisegnare con grande capacità di adattamento e dinamismo la brand awareness del ripartendo da ciò che sappiamo fare, riadattandolo alla realtà circostante.

 

 

 

About the Author

International Retail operation per Cavalieri Retail.
La sua prima esperienza lavorativa nasce nel Retail per puro caso ed oggi, dopo diversi anni, continua con grande determinazione ed entusiasmo. Cataloga diverse esperienze estere, tra le più significative quelle negli USA e República Federativa do Brasil per studio. Da diversi anni divenuto riferimento per i progetti esteri per l’azienda per cui opera con particolare attenzione al mercato cinese. Tutte queste esperienze gli hanno permesso di stimolare un forte spirito di adattamento e curiosità verso realtà diverse da quelle originarie.